Image and video hosting by TinyPic

Io sto con Fa’afafine! La petizione

15/03/2017

 

 

faafafine.jpg


Fa’afafine - Mi chiamo Alex e sono un dinosauro è uno spettacolo teatrale di Giuliano Scarpinato che racconta la storia di un bambino genderfluid. Lo spettacolo, da qualche tempo al centro di numerose polemiche a causa della trama, affronta il tema dell’identità sessuale di un bambino raccontando la storia di Alex, che non ama identificarsi in un sesso o nell’altro, e quando qualcuno gli chiede se è un maschio o una femmina risponde che è un «bambino-bambina».

Fa’afafine, vincitore di Eolo Awards 2016, del Premio Infogiovani 2015 al Festival di Lugano, del Premio Scenario Infanzia 2014, selezionato dal Visionari Kilowatt Festival 2015 e finalista del Premio Rete Critica promosso dal Teatro Stabile del Veneto, ha il patrocinio ufficiale di Amnesty International Italia.

Purtroppo ora Fa’afafine è sotto attacco: Forza Nuova sta minacciando di ‘distruggere violentemente’ lo spettacolo se questo non venisse ritirato; l’assessore all’Istruzione Pubblica della Regione Veneto, Elena Donazzan, vuole la censura dello spettacolo.

Per questo è stata lanciata una petizione rivolta alla ministra Fedeli, affinché si opponga a queste minacce e difenda la libertà d’espressione e la cultura in Italia.

Promotori di questa replica di protesta contro il tentativo di censurare lo spettacolo, che vede il patrocinio del Comune di Genova, sono i Giardini Luzzati insieme ai Teatri e Festival del capoluogo ligure, con l’adesione di associazioni tra cui Arci Genova, Arci Liguria, Arci Solidarietà.

 

Per firmare:  https://you.allout.org/petitions/stand-with-fa-afafine

 

ArciReport, 16 marzo 2017



Tags :

Lascia un Commento



(Il tuo indirizzo email non sarà visualizzato pubblicamente.)



image image image image image image image image image image image
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss