Image and video hosting by TinyPic

Io sto con Fa’afafine! La petizione

15/03/2017

 

 

faafafine.jpg


Fa’afafine - Mi chiamo Alex e sono un dinosauro è uno spettacolo teatrale di Giuliano Scarpinato che racconta la storia di un bambino genderfluid. Lo spettacolo, da qualche tempo al centro di numerose polemiche a causa della trama, affronta il tema dell’identità sessuale di un bambino raccontando la storia di Alex, che non ama identificarsi in un sesso o nell’altro, e quando qualcuno gli chiede se è un maschio o una femmina risponde che è un «bambino-bambina».

Fa’afafine, vincitore di Eolo Awards 2016, del Premio Infogiovani 2015 al Festival di Lugano, del Premio Scenario Infanzia 2014, selezionato dal Visionari Kilowatt Festival 2015 e finalista del Premio Rete Critica promosso dal Teatro Stabile del Veneto, ha il patrocinio ufficiale di Amnesty International Italia.

Purtroppo ora Fa’afafine è sotto attacco: Forza Nuova sta minacciando di ‘distruggere violentemente’ lo spettacolo se questo non venisse ritirato; l’assessore all’Istruzione Pubblica della Regione Veneto, Elena Donazzan, vuole la censura dello spettacolo.

Per questo è stata lanciata una petizione rivolta alla ministra Fedeli, affinché si opponga a queste minacce e difenda la libertà d’espressione e la cultura in Italia.

Promotori di questa replica di protesta contro il tentativo di censurare lo spettacolo, che vede il patrocinio del Comune di Genova, sono i Giardini Luzzati insieme ai Teatri e Festival del capoluogo ligure, con l’adesione di associazioni tra cui Arci Genova, Arci Liguria, Arci Solidarietà.

 

Per firmare:  https://you.allout.org/petitions/stand-with-fa-afafine

 

ArciReport, 16 marzo 2017



Tags :

Lascia un Commento



(Il tuo indirizzo email non sarà visualizzato pubblicamente.)


Captcha Code

Clicca sull'immagine per vedere un altro captcha.


image image image image image image image image image image image
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss