Image and video hosting by TinyPic

Obiettivi sul lavoro, scelti i film finalisti

16/03/2017

 

 

obiettivi_sul_lavoro.jpgSi è chiusa mercoledì 10 marzo la prima fase di Obiettivi sul lavoro, il progetto che ha lo scopo di affrontare - attraverso il cinema - le questioni legate al tema del lavoro, in un tempo di crisi come quello contemporaneo, nel quale diritti e tutele dei lavoratori sono minacciati e rischiano di essere eliminati.

I dieci film selezionati declinano il tema con registri stilistici diversissimi (documentario, fiction, inchiesta, commedia grottesca) e da differenti prospettive. Dal dramma della perdita del lavoro a 50 anni alla tentazione dell’illegalità, dal riscatto di un fabbricante di ordigni letali ai problemi quotidiani dell’insegnamento, dalle abilità manuali tramandate di padre in figlio alle nuove occupazioni di impronta etica.

Il concorso è da ieri ospitato integralmente sulla homepage di Ucca (www.ucca.it), in una piattaforma che consente la visione in streaming del lavori selezionati e la possibilità del pubblico di esprimere il proprio apprezzamento con un voto. Le opere saranno visibili online in alta definizione fino al 15 aprile; al film più votato sarà assegnato il Premio del Pubblico, corrispondente alla somma di 1.000 euro.

In calce le sinossi dei 10 film selezionati.

 

Tierra virgen di Giovanni Aloi

In un Perù soffocato dal narcotraffico, sempre più contadini decidono ogni giorno di sottrarsi al giogo della criminalità organizzata, riunendosi in cooperative e riconvertendo le proprie colture tra mille difficoltà.

 

L’albero di trasmissione di Fabrizio Bellomo

Il racconto delle tre generazioni di una famiglia unita dalla tecnica, in cui le capacità pratiche e le nozioni apprese dal padre sono state trasmesse ai figli come unico modo possibile per intervenire sulla realtà.

 

A Karma Capitalist di Rosa Canosa

Van Bo Le-Mentzel, architetto e designer berlinese, ha dato un’impronta sociale al suo lavoro, ideando oggetti che nessuno può comprare ma chiunque può costruire grazie a semplici istruzioni accessibili a tutti sul web.

 

Quello che non si vede di Dario Samuele Leone

Un uomo si è chiuso all’interno di una macchinetta del caffè e fa i caffè al posto della macchina. È Elio, un nano di 57 anni che lotta per resistere contro una vita piena di enormi difficoltà.

 

Marco (le cicale) di Emiliano Mancuso e Federico Romano

Marco era un capocantiere, ‘specializzato in cartongesso e controsoffitti’. Ha perso il lavoro a 50 anni, si è separato, è andato via di casa ed è finito a vivere in un’occupazione a Ponte di Nona (Roma).

 

A casa mia di Mario Piredda

Rimasti i soli abitanti di un piccolo paese di pescatori ormai spopolato, due anziani, Lucia e Peppino, vivono nella speranza che l’inverno non finisca.

 

Legno di Domenico Martoccia e Francesco La Cava

Un uomo e un bambino lavorano in una segheria. Un giorno, il bambino si allontana di nascosto e scappa in una grande pineta, indeciso se continuare il percorso o tornare indietro. Intanto, l’uomo si è accorto della fuga del bambino e si è messo subito ad inseguirlo.

 

Il successore di Mattia Epifani

Un ex fabbricante di mine antiuomo intraprende un viaggio in Bosnia Erzegovina dove avrà la possibilità di fare i conti con se stesso e affrontare i fantasmi del suo passato.

 

Nogoson - Un’oscurità  trasparente di Alberto Segre

Confessioni di insegnanti che trovano il coraggio di raccontarsi e di raccontare le difficoltà del proprio lavoro ad una segreteria telefonica.

 

Sharing di Emanuela Moroni e Manuela Cannone

Una valigia viene aperta, dentro troviamo un gatto che dorme, una radio, un’antenna e un mappamondo. Due mani estraggono il mappamondo, la radio, la strana antenna viene montata e improvvisamente si sintonizza su suoni di vita reale.

 

ArciReport, 16 marzo 2017



Tags :

Lascia un Commento



(Il tuo indirizzo email non sarà visualizzato pubblicamente.)


Captcha Code

Clicca sull'immagine per vedere un altro captcha.


image image image image image image image image image image image
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss